Stamparte libreria è principalmente specializzata nei cataloghi ragionati dell'opera grafica dei maggiori artisti italiani ed europei, come anche nei manuali di storia e di tecniche dell'incisione; oggi vi si possono fare scoperte interessanti e qualche ritrovamento: tutti i cataloghi delle litografie di Mirò e di Chagall, ma anche quelli delle incisioni usciti fino ad oggi; i cataloghi generali della grafica di Braque, Dix, Grosz, Heckel, Kirchner; di Morandi, De Chirico, Campigli o Marino Marini; quello recente e già molto ricercato di Dalì; quello straordinario e rarissimo di Kandinsky; i quattro di Moore; i tre volumi di Matisse, compreso quello dei grandi libri illustrati; ma anche cataloghi di importanti mostre contemporanee, come quelli del Centre Pompidou di Parigi o i primi numeri esauriti dei suoi Cahiers; ancora , per esempio Tendenzen den Zwanziger Jahre del '77 a Berlino, o Dokumenta 7 di Kassel, e The essential Cubism 1907/20 della Tate...   La collezione privata di Stamparte comprende poi la serie completa della famosa rivista di Gualtieri di San Lazzaro XX Siècle, dalla quale si possono attingere sempre «pezzi» molto interessanti,  preziosi per una ricerca redazionale o un ufficio stampa...

 

□□□□□□

 

Stamparte editrice pubblica i cataloghi delle mostre della galleria (Piccoli e Giulia Napoleone, Van Velde e Maillet e Adami, per citarne alcuni), nonchè altri, come «La prima guerra mondiale vista dai suoi grafici» di Luciana Tabarroni, edito in occasione dell'esposizione a Brescia; o come una rara edizione delle poesie di Mina Bergamaschi «Un altro tempo» illustrate da disegni di Adriano Castelli. Pubblica d'altro canto anche le tirature di proprie stampe originali d'artista, tirate da ateliers professionali scelti di concerto con gli autori:  il premio Nobel Dario Fo, De Vita, Piccoli, Benati, Adami,  Pericoli,  Dorazio, Villa, Della Torre, la Napoleone e diversi altri. Stamparte ha  recentemente ottenuto l'iscrizione al ROC - Registro degli Operatori di Comunicazione - essendo editrice del periodico  Carte d'arte, testata registrata  fin dalla fine del 1988, iscritta al Registro Nazionale della Stampa, protetta da brevetto per marchio d'impresa; la testata utilizzata è un disegno appositamente eseguito e offerto da Valerio Adami.

 

□□□□□□

 

Stamparte galleria ha in permanenza un fondo di fogli di grafica europea del XX secolo: vi si possono trovare diversi fogli importanti, come una litografia a colori di Mirò, un'acquaforte in bianco e nero di Chagall o una sua lito a colori -  fogli autonomi, non provenienti da libri o album -, un'incisione «parigina» di Adami, una raffinata e inquietante incisione di Bellmer, un colorato lavoro della Sonia Delaunay, un raro carborundum di Dorazio, una prova colorata a mano di Max Ernst, un vecchio foglio di Guerreschi o uno piccolo di Hartung, una ormai rara lito di Lindner o di Steinberg, un foglio francese di Magnelli e uno di Matta, una pecora di Moore o un'architettura di Ben Nicholson, un collage di Alechinsky, una lito di Appel, di Poliakoff, Severini e Tàpies, oppure un'incisione di Chillida, di Zadkine e di Picasso, e molti altri fogli ancora... sempre di qualità e valore... Stamparte produce anche mostre temporanee, allestite nella propria sede, che possono poi essere ripresentate in altri contenitori sia privati che pubblici; si possono ricordare quelle di Folon con acquerelli incisioni e affiches, di Adami con lito incisioni e disegni, di Sutherland con le acqueforti degli anni venti, di Ben Nicholson con incisioni e unici su carta; la mostra delle carte di Tadini, le incisioni ed i collages di Meckseper presentato in catalogo da Eugenio Riccòmini, le rassegne di Hockney e Poliakoff, la mostra antologica delle litografie di Bram Van Velde, quella di Dorazio «Ab Ovo» con opere solo ovali su carta e su tela; le rassegne di Music e Guerreschi e quella che ha fatto conoscere in Italia Léo Maillet; Daumier & Gavarni, i «precursori» di Forattini, gli animali dello zoo di Henry Moore; «Quei fantastici anni sessanta»; «Carta Canta», personale di  Pierre Alechinsky; l'antologia delle incisioni di Renato Bruscaglia con un testo di catalogo di Andrea Emiliani; le acqueforti «storiche» di Cassinari... e per dirne ancora una: «Morandi: scuola d'incisione 1930/56».

 

□□□□□□

 

Stamparte agenzia di servizi può organizzare  mostre e manifestazioni «chiavi in mano» per conto terzi; un pacchetto completo a costi ragionevoli, dal progetto alla ricerca dei partecipanti, dai prestiti alla raccolta delle opere, dalla cura dell'imballo al  trasporto, dall'assicurazione all'allestimento finale; con corredo dell'edizione del catalogo, redazione e ufficio stampa, manifesti ed inviti, tutto studiato e predisposto in accordo con i committenti. Oltre alle mostre prodotte in proprio ed «esportabili», Stamparte può produrre mostre importanti ex novo, grandi o piccole, da Goya a Morandi, da Daumier a Ionesco, come è già avvenuto. L'agenzia può offrire a richiesta anche singoli servizi e partecipare con altri all'organizzazione di mostre d'arte, manifestazioni culturali varie, edizioni e promozioni di volumi e cataloghi. Tra l'altro Stamparte dopo aver curato per le sue mostre l'ufficio stampa, che ha sempre ottenuto lusinghiere segnalazioni e recensioni sui media nazionali, oggi offre questo servizio per conto terzi anche separatamente; può anche fornire servizi di consulenza, di redazione, di coordinamento, di stime e perizie.